pronti a soddisfare tutte le Vostre esigenze in funzione di salute e di benessere dei Vostri piccoli amici

chirurgia specialistica

chirurgia oncologica

Il cancro è una delle principali cause di mortalità nei pazienti veterinari, e la rimozione chirurgica dei tumori una delle procedure chirurgiche più comuni effettuate dai veterinari.
A questo proposito, vogliamo portare la Vostra attenzione allavalutazione del tumore, alla classificazione, alla evventuale biopsia, alla stadiazzione e l'approccio chirurgico.
In oncologia umana, il 60% dei pazienti umani che combattono il cancro sono sottoposti alla chirurgia. Allo stesso modo, in medicina veterinaria, l'intervento chirurgico è considerato il componente più importante del trattamento in cani e gatti affetti da tumori solidi, perché, in molti casi,la chirurgia offre le migliori possibilità per migliorare la qualità della vita.
Per aiutare ad assicurare un esito positivo, il veterinario ha bisogno di una conoscenza approfondita dei principi fondamentali di oncologia chirurgica, tra cui:
  • caratteristiche di specifici tumori,
  • opzioni chirurgiche disponibili,
  • necessità potenziale di misure terapeutiche come la chemioterapia o la radioterapia.
Piano di trattamento del paziente dovrebbe essere basato su storia completa, esame fisico completo, diagnostica per immagini, patologia clinica con la citologia e Istopatologia.
L'esame fisico annuale svolge un ruolo chiave nel rilevare le neoplasie, sia direttamente tramite la palpazione o con sindromi paraneoplastiche, che possono essere trovati sul sangue di routine e l'analisi delle urine.
Quando un tumore viene identificato, registrare la sua
  • dimensione,
  • posizione e
  • aspetto grossolano e
  • palpare i linfonodi regionali
Se i linfonodi sono aumentati, immobili il sospetto di una neoplasia metastatica aumenta; tuttavia, un linfonodo normale alla palpazione non garantisce mancanza di metastasi. Pertanto, una linfonodo biopsia è consigliata nella maggior parte dei casi.
Analisi istopatologica di tessuti annomali ottenuti mediante biopsia permette una diagnosi definitiva di:
  • tipo di tumore (iperplasia, metaplasia, o neoplasia)
  • comportamento biologico (benigno o maligno)
Deve essere eseguita un'attenta pianificazione chirurgica. Il primo intervento chirurgico spesso da migliore possibilità al chirurgo per il raggiungimento di un risultato positivo definitivo.
Ci sono quattro livelli di aggressività chirurgica o "dose" chirurgica per classificare l'estensione della resezione chirurgica.
  • intralesionale,
  • resezione marginale,
  • resezione ampia-tumore primario e cellule satelliti della massa tumorale e
  • rsezione radicale è la rimozione di un intero compartimento tessutale
L'errore chirurgico più comune è l'uso di una dose chirurgica troppo bassa, che deriva dalle preoccupazioni che la capacità di chiudere il difetto dei tessuti sia tropo bassa. Tuttavia, se è stata confermata la diagnosi di malignità, può essere meglio gestire una ferita aperta che lasciare cellule tumorali.
Molteplici fattori devono essere considerati quando si determina l'aggressività di un intervento chirurgico,come:
  • tipo di tumore,
  • prognosi a breve e a lungo termine,
  • possibilità di realizzare margini chirurgici desiderati,
  • un livello accettabile di morbilità,
  • eventuale malattia concomitante,
  • disponibilità di terapia aggiuntiva, se necessario dopo l'intervento.
AMBULATORIO VETERINARIO PONTE ALTO VICENZA | 47, Strada Padana Verso Verona - 36100 Vicenza (VI) - Italia | P.I. 02933740249 | Cell. +39 345 2471486   - Cell. +39 349 4658320 | pontealtovet@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite